[X-POST] MAI PROVATO COL NASO?

Per utenti iPhone residenti nelle zone veramente fredde del pianeta, quelle zone in cui non ti toglieresti mai i guanti, ma in cui forse faresti molto, ma molto meglio, a comprare dei guanti adatti alla digitazione su iPhone, dicevo, in quelle zone, nonostante i fischi e gli insulti, gli sfotto’ e i cori dei bontemponi, bhé da oggi in quelle zone si può tappare sullo schermo con naso. Vabbé dai, andiamo oltre. Per eventuali interessati, l’acquisto crucco costa 0,79€ ed é disponibile qui
Ci tengo a sottolineare, qualora necessario, che questo post non rappresenta una sollecitazione all’acquisto.

Alarm bug…chiarimenti

Ho finalmente avuto il tempo di effettuare una ricerca sull’argomento nel forum Apple ed ho scoperto che “dopo il 7 novembre potrai impostare di nuovo gli allarmi”: non resta quindi che provare domattina, per poi aggiornare il blog…naturalmente.
Maggiori info qui.

Alarm bug…aggiornamenti

Aggiornamento delle 9.28: il bug era giá stato rilevato due settimane fa in Australia, e si teme molto per quanto potrá accadere dopo il 7 novembre negli Stati Uniti, per il ritorno dell’ora solare. Dopo le prove effettuate stamattina posso solo confermare che il problema non si presenta nell’unico caso in cui la ripetitivitá della sveglia é impostata su “ogni giorno”: nell’attesa quindi di soluzioni “made in Apple” non resta che aderire a questa soluzione, desezionando tutto al venerdi sera. Tant’é…

[9.45] Leggo su appleinsider che in Australia il bug aveva destato un certo clamore fra gli utenti e che Apple era giá informata dell’accaduto. Sembra, ma voglio precisare che non amo i cd. rumors e non voglio dar loro corpo, che questo bug sará risolto col rilascio del prossimo iOS4.2.

Alarm bug…conferme.

Solo perché si sappia: la sveglia impostata alle 6.05 non ha ancora suonato, segno evidente che la cancellazione degli allarmi precedentemente impostati cui far seguire il riavvio dell’iPhone con successiva, nuova, impostazione degli allarmi non è consiglio tecnicamente valido alla risoluzione del problema. Credo, piuttosto, che il questo possa risiedere negli allarmi ripetitivi semmai. Ora é quasi ora di andare al lavoro, proverò ad effettuare qualche test in giornata, ovvero a recuperare qualche info maggiormente dettagliata. Per la serie “il bug che non ti aspetti”.

Alarm bug

Il recente ritorno all’ora solare ha evidenziato un bug in molti smartphone, anche Android based, con particolare riferimento ai nostri iPhone con iOS 4.1: la sveglia non ha suonato, o meglio lo ha fatto con un’ora di ritardo. Dopo averlo riscontrato personalmente ho trovato diverse conferme in rete ma sto approfondendo l’argomento, non accontentandomi nell’apprendere che si tratta di un bug! A quanto pare questo colpisce i sistemi che hanno impostato una sveglia a giorni ripetitivi: per risolverlo , il metodo migliore sembra sia quello di eliminare tutti gli allarmi, per poi reimpostarli dopo il riavvio. Vi sapró dire domattina! Intanto, buonanotte.

il fastidioso trend

Sarà, ma a me sapere che RIM presenterà fra qualche giorno il suo tablet anti-iPad secca non poco, esattamente come mi infastidì il primo blackberry con tecnologia touch e tutti quei telefoni nati dopo iPhone e che, di volta in volta, sono stati presentati dicendo che “questo sarà davvero l’iPhone killer”. Avanti il prossimo, non mi viene da dire altro se non che il vero iPhone killer, anche e soprattutto in termini di concezione, è un nokia da 19 euro.

Foursquare

Foursquare é un social network basato sulla geolocalizzazione (geotagging) dei propri utenti, disponibile principalmente su piattaforma iOS, Android, Blackberry e PalmOS, che vanta oggi circa due milioni di utenti con una media giornaliera di 15 mila nuovi profili attivati: numeri che lo rendono ancora un socialcoso “di nicchia” ma che la dicono lunga sulla velocità di sviluppo e la forza del progetto e che soprattutto sono valsi una recente stima del suo valore di mercato per ca. 80 milioni di dollari. Il suo fondatore, Dennis Crowley, è stato inserito dal MIT (Massachussets Institute of Technology) nella lista dei principali 35 innovatori con meno di 35 anni e viene continuamente corteggiato da colossi del calibro di Facebook e Yahoo, che di recente, ricevendo in cambio un cortese rifiuto, hanno cercato di comprare Foursquare. Questo perché dai dati in esso presenti si possono ricavare le preferenze comportamentali e soprattutto commerciali di milioni di utenti: cosa fanno, dove vanno, dove comprano, quali sono i loro luoghi preferiti e perché: tutti dati che potrebbero rendere in un prossimo futuro Foursquare un innovativo motore di ricerca, per un motivo semplice: l’elemento personale alla base della socializzazione rende l’informazione (ad esempio il commento su un hotel) assai credibile agli occhi dei lettori che, nelle loro successive scelte di natura commerciale, potrebbero ragionevolmente essere condizionati dal peso delle precedenti scelte dei loro amici. Insomma, molto più che uno spot.

Più nel dettaglio de tipo “how to do”, dopo la registrazione, si potrà verificare l’elenco dei luoghi d’interesse disponibili nella zona in cui ci si trova, aggiungendone anche degli altri, e da qui si potrà effettuare il “check-in” in uno di questi, ovvero comunicare al resto della community che stiamo entrando in un determinato posto: edicole, supermercati, musei, ristoranti, banche, uffici di ogni genere, e tanto altro. Con l’utilizzo si accumulano punti e questi assegnano titoli di vario genere, come “super user” ad esempio, oltre a permetterci di diventare i “mayor” dei posti che frequentiamo. Nell’eseguire il check-in potremo associare un commento al posto in cui siamo (ad es: sono al bar del piffero, e i cornetti cono davvero buoni) condividendolo anche su twitter o facebook, raggiungendo in tal modo anche i nostri contatti presenti su altre piattaforme e aggirando la (statisticamente) scarsa diffusione di Foursqare (lo ripetiamo, circa due milioni di utenti, contro i circa 500 milioni di Facebook, ad esempio), che al momento non gli permette di essere un fenomeno mondiale assolutamente rilevante.

Io? Continuo ad usarlo con soddisfazione e piacere, sicuro dei futuri sviluppi della piattaforma e della sua diffusione fra gli utenti…del resto 15 mila profili medi giornalieri sono un bel punto di partenza, no? Anche in Foursquare si manifesta pertanto la nostra anima social, considerato che con l’utilizzo potremo anche verificare la posizione attuale dei nostri amici e incontrarci con loro…o mancare per poco un incontro, come é successo questa mattina ad Andrea e me!!!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: