Kindle Beta for OSX

dopo la musica, sembra davvero che il futuro prossimo vedrà confluire nell’editoria “tradizionale” (libri e testi, pur in formato elettronico) gli sdorzi maggiori dei produttori hardware: la scossa derivante dalla presentazione di iPad é stata in tal senso dirompente ed Amazon con il suo Kindle, già da tempo presente sul mercato, sta già muovendosi per difendere il suo posizionamento nel mercato degli ebook. E come? Puffete, rilasciando un’applicazione per OSX, peraltro gratuita, per leggere i testi direttamente sullo schermo del nostro Mac e/o per sincronizzare la libreria degli ebook con un Kindle. Il clima di fretta per l’imminente battaglia si percepisce dalla versione Beta rilasciata, non particolarmente curata nel layout Mac-style e stranamente priva di una funzione di ricerca dei testi presenti. Continuo a testare il software, a breve ulteriori commenti, questo il link per il download. Quello che è certo, beta o non beta, che da ora l’offerta dei testi in catalogo su Amazon è disponibile per gli utenti Mac, e sembra che, aggiornamenti software a parte, iPad sia nel mirino di Amazon. Questo tipo di battaglie mi piace sempre tanto!!!

alternative

Una premessa importante: presupponendo la lecita provenienza dei brani musicali e l’utilizzo di questi software per scopi di sicurezza e ripristino, vogliamo in questa occasione parlare di vie alternative per la gestione dei ns. iPod che, di fatto, passa quasi esclusivamente attraverso iTunes. Questo aspetto ci impedisce di copiare sul nostro computer il contenuto del nostro erede del walkman e questo, oltre ad essere potenzialmente ed estremamente utile in caso di ripristino dati dopo un crash, crea fastidio per il senso di libertà imbrigliata che genera. Ebbene, non siamo del tutto obbligati ad utilizzare iTunes! Premesso che l’argomento non si esaurisce con questo articolo, anzi questa é solo l’intro, partiamo con un consiglio tecnico: al momento di collegare l’iPod, per evitare di avviare in automatico la sincronizzazione di iTunes, tenere premuti sulla tastiera i tasti Comando/Opzione.

Ora torno a lavorare in background: sto testando un paio di freeware in tal senso…a breve i risultati dei test, a presto!!!

and it’s still freeware

Per monitorare la batteria del mio MacBookPro mi sono da tempo affidato a coconutBattery, giunto recentemente alla versione 2.6.6

Si tratta di un software assai importante nella vita di ogni Mac portatile, imho. La sua funzione é quella di fornire informazioni sulla batteria del portatile: da pochi giorni é stata rilasciata la versione 2.6.6 e quindi é tempo di aggiornare la mia 2.6.5: In 16 mesi il MacBookPro segnala 128 cicli di ricarica, 8 al mese: troppi, imho, considerando anche che dai 5500mAh iniziali la batteria oggi evidenzia una capacità di 4887 mAh. Nella nuova versione trovo utilissima la possibilità di memorizzare i dati della batteria, così da registrarne periodicamente lo stato lasciando i dati direttamente nel software e non dovendo più memorizzarli altrove come prima, quando catturavo le schermate con Istantanea e poi le salvavo nella cartella “monitoraggio batteria” (molto nerd, lo ammetto…)

Cosa aggiungere? Un principio fondamentale nel campo dell’informatica, ovvero che il buon software, stabile e ben scritto, non sempre é a pagamento: coconutBattery é infatti un freeware, ma le donazioni sono ben accette dallo sviluppatore.

un coltellino svizzero nel mio Mac

Perian é il nome di un plugin freeware che permette di riprodurre con QuickTime i seguenti formati video: Divx, XviD, FLV, AVI MS-MPEG4 v1, MS-MPEG4 v2, MS-MPEG4 v3, DivX 3.11 alpha, 3ivX, Sorenson H.263, Flash Screen Video, Truemotion VP6. Ma anche i seguenti formati quando sono contenuti in un AVI: h.264, mpeg4, AAC, AC3 Audio, and VBR MP3. Credo che si tratti di una delle prime installazioni fin dai tempi dell’iBook e, manca a dirlo, è presente anche nelle preferenze di sistema del MacBookPro. Wow.

link: http://perian.org

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: