Diciamoci la verità: noi geek versiamo in uno stato di costante difficoltà economica. Siamo inevitabilmente attratti da tutto ciò che è caro, brillante, tecnologicamente avanzato con totale disinteresse per qualsiasi forma di attenzione alla nostra situazione finanziaria. Di certo i geek sono fortunati. Sono abbastanza bravi con i numeri e sanno programmare e, a dispetto delle tempeste economiche, sanno sempre venir fuori alla distanza ed accaparrarsi nuovi meravigliosi gadgets tecnologici. Ma per molti di noi, specialmente per coloro che hanno da tempo superato la fase della meravigliosa equazione “università + a casa con mamma e papà + qualche lavoretto saltuario tanto per…”, la tentazione di comprar cose è veramente il male del secolo. Ed a volte è qualcosa di veramente difficile da contrastare.

Questo non vuol dire che debba essere sempre valida l’antica alternativa tra “mangiare questa minestra” e “saltare dalla finestra”. D’accordo, diciamo che la minestra in questione potrebbe essere non esattamente quella tanto desiderata (sempre che piacciano le minestre, è ovvio…), e probabilmente è un piatto che dovremo necessariamente condire con un poco di pazienza, ma, accidenti, è pur sempre minestra…! E, per incanto, potrebbe davvero essere una minestra di prima categoria. Perché non sarà una minestra riscaldata né una da quattro soldi; sarà la tua.

Ecco allora che il sagace editor (cioè io) di questo blog viene in tuo aiuto con un altrettanto sagace vademecum in cinque punti che ti permetterà di acquistare quel gadget per il quale sbavi come un terranova. L’approccio dovrà comunque essere personalizzato, ma credo che esista un denominatore comune a molti di noi.

1. Dai un’occhiata approfondita alle tue finanze.

Onestamente, ‘sta cosa non può che mettere paura. Ma è la via maestra per raggiungere la felicità finanziaria. Non nego che esista una minima possibilità di trovare il tuo beneamato porcellino salvadanaio dannatamente silenzioso ed a corto di munizioni. Ma diciamo che nella maggior parte dei casi questo primo controllo dà statisticamente un esito sufficientemente positivo. Una volta ripresi dall’eventuale shock ci si rende conto che la vera ricchezza di un geek è la capacità di gestire le informazioni e che i dati sono il vero grande scudo dietro cui ripararsi. Avere un’idea abbastanza chiara di dove vanno a finire i tuoi soldi ti permette di capire cosa sta risucchiando le tue finanze o cosa invece non sta ricevendo adeguate cure finanziarie. L’ignoranza, che è diametralmente opposta al geek, ti mette al sicuro in una bolla di falso comfort: e prima o poi, credimi, la bolla scoppia. Non c’è niente da fare, la conoscenza è metà della battaglia.

2. Stilare un budget

Devi considerare le tue spese attuali in rapporto all’investimento che vuoi effettuare. Hai bisogno di un portatile nuovo? Quanto è importante per te quel piano tariffario per il tuo cellulare? Fai telefonate prevalentemente da casa? Riesci a stare senza GPS per qualche tempo? Con piani tariffari da 30 Euro mensili è facile capire quanto può essere vicino il perfezionamento di un’operazione di questo tipo. Digitale Terrestre e Sky? Possiamo recuperare un’altra 50ina di Euro spostandoci su Netflix ed Hulu, con account gratuiti e programmazione delle nostre serie preferite in contemporanea con l’originale americano. Sei un fissato del caffè al bar? Inizia a fartelo a casa, ti permetterà di recuperare qualche Euro (quelli che servono per arrivare al mitico “99” che, normalmente, segue l’indicatore delle centinaia…). Tutto questo per dire che molti di noi hanno delle spese che possono tranquillamente essere riviste: se vuoi davvero quella COSA, rinunciarvi non è un gran sacrificio.

3. Pazienza

Lascia che il denaro si accumuli. Non essere avido o cercare la “via rapida e facile come fece Fener” ((c) Yoda). Non cercare finanziamenti a condizioni vantaggiose da nonna. E lascia stare quelle stramaledette carte di credito. Sul momento sembrano un’ottima idea. Ma se vai oltre nella lettura di questo articolo ed impari la fine arte del budgeting geek, riuscirai ad ottenere quello che desideri senza indebitarti sanguinosamente. E quanto alla nonna, a chi andrebbe di fare debiti con membri della propria famiglia? Meglio l’esilio. Ho fatto diverse volte l’errore di affidarmi alla carta di credito. Ehi, ce l’ho, sono un fico, l’ho comprato! E lo sto ancora pagando… I piccoli pagamenti mensili sembrano così comodi, ma, mese dopo mese, ti distruggono. Lo so, aspettare è una palla. Mentre tu aspetti, vedi gente in giro che possiede quel che tu non hai. Per il momento. Ma avere le finanze in ordine e quello che desideri non ha prezzo. Per tutto il resto….lascia perdere.

4. Cercalo!

Questa regola è fondamentale come la prima. Non andare a casaccio. Non alzare il telefono o mandare email di ordini così, come va va. Non comprare in un negozio qualunque. Stai facendo un investimento, non stai comprando un etto di stracchino. Fai confronti, informati, controlla le garanzie, verifica se il venditore integra quella della casa con una propria, verifica se l’estensione ha un costo extra, se è gratis e così via. Dai un occhio ai siti delle Associazioni dei Consumatori, a volte esercitare un diritto (o minacciare di farlo) ti permette di risparmiare. Chiedi agli amici. Guarda le riviste online, leggi le recensioni. Controllo, devi acquisire il controllo (ancora (c) Yoda). La tua impazienza, il tuo istinto, è quello che i venditori voglio attirare. Ti vogliono confuso, nel panico, schiacciato da una volontà superiore che ti porti a comprare più di quel che ti serve. Questo è quel che fanno. Ma tu non sei quel tipo di persona. Non più.

5. Compralo!

Sì. In contanti. Portalo a casa. Coccolalo. Versa qualche lacrimuccia. La quest è stata difficile. Difficoltà: epic. Ma ora quella cosa è TUA. Che costi 100 Euro o 1000 Euro, che sia un iPad o un robot, non importa. Hai fatto un lungo viaggio per arrivare fin qui. Ora siediti comodo sapendo che hai fatto tutto quello che era nelle tue possibilità per procurarti quel che ti piaceva e lo hai fatto senza disintegrare il tuo conto in banca. Siamo geek, non consumatori qualunque. Siamo di più.

Annunci

Info andrea
Andrea vive e lavora a Roma. Due figli, una moglie ed una serie infinita di gadget tecnologici per restare in contatto con il mondo e con se stesso.

One Response to

  1. Pingback: L’ABBIAMO SCRITTO DAL’ALTRA PARTE « maccopanna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: