Me & my iMac

Ho ricevuto da Marco una richiesta, inviata tramite Fb, che voglio esaudire con entusiasmo. Qualche giorno fa ho acquistato un iMac. Modello 21,5″, 4 GB RAM, hdd da 500 GB.
Chi segue la mia pagina Fb sa già’ quale sia la mia soddisfazione. Per quanto folle possa sembrare, ho voluto esprimere il mio entusiasmo inviando una email direttamente a Steve Jobs. Il quale non ha risposto, ma questo a me non importa.
Ritengo piu’ interessante dare brevemente conto degli esiti della mia prima settimana da MacUser. Spendo qualche riga per il design: splendido. L’iMac e’ uno splendido oggetto d’arredamento; non mi meraviglio che la prima generazione di iMac, quella con il monitor di vari colori per intenderci, sia esposta al MOMA di New York. Collegato alla rete elettrica in un secondo, l’ho acceso. Minima configurazione della rete wi-fi, quattro-dati-quattro, e poi via, out of the box. E qui ho provato la stessa soddisfazione del mio primo contatto con Linux (il sacro cuore UNIX, amore della mia vita, torna sempre a galla): il computer e’ li’, PRONTO, attende che gli si dica cosa fare. Non c’e l’aggressione made in Microsoft: devi fare questo, configura quest’altro, attento manca questa cosa. Il look and feel e’ spettacolare, il rapporto con il computer e’ diretto, so di poter fare quello che mi pare. Periferiche ergonomiche, mouse abbastanza preciso (ma lo sostiuiro’ con un MagicTrackpad). Lo schermo, tecnologia LED, e’ampio e luminoso; posso tenere aperte contemporaneamente piu’ finestre in vero multitasking senza il minimo rallentamento. Ho riscoperto la mia vena musicale con Garage Band (presto colleghero’ la chitarra elettrica), subito al lavoro con iLife per gestire le mie fotografie.
La sensazione, che diviene fatto concreto, di essere padrone della situazione e’ stata la molla che mi ha suggerito di scrivere a Steve Jobs. Il quale, come detto, non ha risposto. Ma questo non conta. Conta di piu’ che oggi ho ricominciato ad essere felice di usare un computer.

Annunci

Info andrea
Andrea vive e lavora a Roma. Due figli, una moglie ed una serie infinita di gadget tecnologici per restare in contatto con il mondo e con se stesso.

One Response to Me & my iMac

  1. marco says:

    Le stesse, identiche prorompenti e indimenticabili, sensazioni provate da me nel gennaio del 2006 quando portati a casa l’iBook G4 con OX 10.4, il mio primo Mac, da me subito definito la “Switch Dreaming Machine”: aperta la confezione, messo sulla scrivania, superato il primo stupore meravigliato per la bellezza delle forme, mi lasciai andare alle meraviglie di OSX 10.4 configurando in pochi minuti la connessione con Alice, trasferendo i dati importanti dal vecchio VAIO per poi mettrlo (quest’ultimo, obv) in vendita su ebay. Ne é passato di tempo e quella scelta rimane un punto fermo nella mia vita digitale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: