Decodificare un antico computer: nuove sconvolgenti verità

242312_f260 Il misterioso meccanismo in questione è stato ritrovato nel 1900 nel relitto di una nave romana affondata a largo dell’isola greca di Antikythera. La nave custodiva altri tesori che sono stati acquisiti dal governo greco; uno degli oggetti ritrovati dai sommozzatori era un oggetto in metallo di non meglio identificata natura e destinazione. Quando, qualche tempo dopo il ritrovamento, la parte superiore dell’oggetto venne meno, gli studiosi si trovarono di fronte qualcosa di mai visto prima. Aveva ingranaggi grandi, piccole viti ed alcune parole in greco scolpite sulla superificie.

Dapprincipio si ritenne che si dovesse trattare di una qualche specie di orologio astronomico. Un ricercatore in particolare, Derek J. de Solla Price, stabilì con esattezza il numero delle dentature della corona e concluse che si trattava di uno strumento in grado di predire le eclissi attraverso il ciclo metonico. Tuttavia il vero funzionamento di questa strana macchina rimane un mistero anche oggi. Fotografie radiografiche hanno confermato la natura assolutamente stupefacente di questo manufatto che, tanto per dirla volgarmente, equivale ad aver trovato un jet in mezzo alle piramidi di Giza.

Le fotografie hanno consentito di scoprire molti dei misteri di questo oggetto esponendone le superfici a diverse fonti luminose in grado di determinare diversi livelli di contrasto. I ricercatori sono stati quindi in grado di  leggere una porzione maggiore del testo scolpito sulla superficie. I dettagli delle interazione tra gli ingranaggi, prima alquanto complessi da rilevare, sono stati effettivamente comprese solo una volta implementati metodi di indagine basati sull’x-ray imaging e sulla modellazione 3D.

Il meccanismo di Antikythera è un tool alquanto ingegnoso costituito da una un numero preciso di ruote dentate in grado di predire il momento esatto di una eclissi e consentire, con buona approssimazione, di calendarizzare questi eventi e prevedere i relativi intervalli di ripetizione. Calendario alquanto straordinario, era in grado di predire le posizione del sole e della luna e le posizioni astronomiche dei pianeti noti nel mondo antico. Questi erano: Mercurio, Marte, Giove e Saturno. Inoltre, conteneva le date di alcuni importanti eventi sociali, tra cui le Olimpiadi. Le diverse funzioni venivano attivate dalla possibilità di girare una sorta di vite posta sul lato del meccanismo.

Le ricerche relative a questo stupefacente congegno sono state pubblicate su Nature e nonostante riveli capacità e conoscenze superiori, rimane frutto del genio di un autore non identificato. Sebbene Cicerone parli di questo strumento attribuendone la paternità ad Archimede, la macchina sarebbe posteriore alla morte dello scienziato greco. Le parole scolpite lo collegano, piuttosto, a Corinto o ad una delle sue colonie. E’ comunque possibile che, tenuto conto della natura di colonia della Sicilia, visto che Siracusa ne costituiva una delle roccaforti principali oltre ad essere il quartier generale di Archimede, il congegno sia stato costruito su suoi disegni e successivamente portato altrove dai suoi discepoli.

Rimane una questione. Se questo oggetto fosse stato creato su basi “industriali”, altri ne sarebbero stati prodotti.. Perché non sono stati ritrovati? A volte spaventa immaginare quante possibili meravigliose creazioni, in grado di precorrere i tempi, siano state inventate negli ultimi duemila anni e quanto avremmo potuto imparare da loro.

Annunci

Info andrea
Andrea vive e lavora a Roma. Due figli, una moglie ed una serie infinita di gadget tecnologici per restare in contatto con il mondo e con se stesso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: