switcher

Uno dei miei primi pensieri dedicati al Mac lo ricordo nel 1999, quando l’iBook “conchiglione” mi colpì nel suo meraviglioso arancione e su una rivista lessi che era paragonato ad un’arma da guerra, tanto era potente in fase di calcolo. Ma la mia vita informatica proseguiva molto legata a Win, addirittura con passione molto forte in ambito di palmari PocketPc, con tanto di attiva partecipazione (premiata…) al gruppo ufficiale Microsoft. Anche qui, però, il seme del cambiamento…alla fine comprai Palm non sopportando più il marchio Win e la sua interfaccia, iniziando a frequentare apple.it e tutto il mondo dei siti e blog dedicati ad Apple e al Mac, con particolare riferimento all’iPod, il primo vero prodotto Apple entrato nella mia vita, non solo informatica, quando nel novembre 2005 comprai il Nano da 2gb, nero in policarbonato, quello afflitto dal problema dei graffi. Subito dopo un gesto, inconsapevolmente tipico: presi uno degli adesivi della mela presenti nella confezione dell’iPod e lo attaccai sul dorso del mio Vaio, a coprire la scritta Sony una soprattutto iniziai a leggere Macworld, nel Natale 2005, scoprendo che nel successivo gennaio, nel corso del suo Keynote, Steve Jobs avrebbe presentato i nuovi Mac Intel. Scelsi pero di acquistare un più affidabile e sperimentato iBook 1,42″ Bianco e ancora oggi ne sono fiero: ha qualche ammaccatura grazie alle manine di Carlotta, ma è stato il computer che ha segnato la rivoluzione informatica della mia vita, iniziata materialmente quel 16 gennaio del 2006. Giorni e giorni di navigazione sul Web, programmi aperti a decine e mai un tentennamento, mai un’incertezza: la mia ambizione a non spegnere mai il computer, men che meno a riavviarlo finalmente si realizzava, essendo questa una cosa del tutto normale col Mac. Dopo l’iBook, il MacBookPro, comprato nel dicembre del 2008 approfittando di una promozione Fnac visto il lancio del nuovo Unibody: anche in questo caso ho preferito scegliere il modello ben sperimentato, evitando di avventurarmi nei primi modelli di una nuova serie ma concentrandomi sul passaggio ad una macchina evidentemente “Pro”…che poi mica era facile restare concentrato…Carlotta aveva solo 3 mesi, il lavoro era in una fase delicata e di notte si dormiva ben poco…eppure lui era sempre lì, pronto a dare il meglio di sé. Nel frattempo, pochi giorni dopo la nascita di Carlotta, avevo comprato l’iPod Touch da 16 gb e stavo sempre di più prendendo la mano con l’interfaccia touch, l’unica che meriti di essere chiamata così…e di cose ne potrei raccontare a centinaia, piccoli ma sempre significativi episodi quotidiani capaci di farmi sentire sentire sempre fiero della scelta.

Quindi eccoci qui, col tempo che passa e la passione che si consolida, con il Touch venduto e l’iPhone acquistato, con l’aggiornamento a Snow Leopard eseguito in 55 minuti netti e ripreso con la videocamera, con OSX sempre più nel sangue, davvero…perchè non è solo un computer, è una meravigliosa avventura quotidiana in cui il personal computer entra davvero a far parte della tua vita.

Annunci

Info MP
Questo blog nasce dalla comune passione di Andrea e Marco per l'informatica e la tecnologia: i due, figli degli anni settanta, non leggono i libretti delle istruzioni, divorano riviste di settore, ascoltano tanta musica, ricordano con commozione i magnifici anni del C=64 e comunicano fra loro principalmente con Ping! attraverso i loro iPhone bianchi e scrivono, scrivono, scrivono...buona lettura a tutti!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: